Post

Visualizzazione dei post da giugno 18, 2016

Vivere o condividere

Esistono decine di app, siti e aziende on line che permettono di condividere tutto(con le dovute eccezioni) su internet. Si è passati dalla condivisione di semplici foto e brevi video con gli MMS a documenti completi e video articolati. La condivisione di parole ed immagini ha portato a uno stato di anarchia assoluta. Non esistono limiti(a parte quelli imposti dai vari social, che spesso sono politicamente e moralmente inaccettabili) alla condivisione, si va dalla semplice foto al mare a bufale prive di fonti attendibili, dal semplice messaggio d'amore all'odio incondizionato verso una o più categorie di persone e di cose. I social network hanno dato la possibilità di sfogo a tutti, razzisti, omofobi, ignoranti funzionali e non, a malati, famiglie in crisi e agli elettori delusi e disillusi.  Questo fenomeno ha portato a un'accentuazione dell'odio ingiustificato verso tutto e tutti.  Tutti hanno il diritto di dire la propria su ogni questione, ma ciò non significa che…