giovedì 17 aprile 2014

5 buoni motivi per darsi un tono

Scuole pro gay sotto accusa per un libricino contro l'omofobia e il bullismo che scatena. Chissà perché, alcuni esponenti del Vaticano, sentono sempre il bisogno di dire la loro.

1. I cattolici non sono omofobi. Infatti le sentinelle sempre in piedi non manifestano contro la richiesta dei diritti gay, no loro manifestano solo x la famiglia tradizionale: moglie, figli e amanti. E il fatto che, ogni tanto, offendono i gay definendoli contro natura, dei mostri, deviati e pedofili sono solo allegorie.

2. La protezione di tutti i minori per loro è sacrosanta. Salvo dividerli tra minori etero e minori gay. I minori etero non devono subire alcuna violenza e ogni attività atta ad evitarlo sono bene accette. Mentre negli  minori gay(o di genitori gay) possono pure morire sotto l'attacco di questi bulli omofobi.

3. Viviamo in un paese laico. Si, sulla carta. Vedendo certi atteggiamenti chiusi di questi ipocriti, sembrerebbe proprio di no.

4. Il Vaticano non si intromette mai nelle decisioni dello stato italiano. Dove? Quando? Se mettere bocca su tutto, anche danneggiando il prossimo, non è intromettersi mi chiedo cosa sia allora.

5. I vescovi sono dalla parte dei più deboli. Si come no. Vogliamo parlare delle loro affermazioni sulle donne che lavorano? Sul fatto che le donne violentate non possano abortire? Che i gay non possono avere una vita sensuale? Vogliamo aggiungere altro? La lista starebbe troppo lunga.

E che belle persone che sono.

Nessun commento:

Posta un commento