sabato 20 giugno 2015

Familyday...la solita carellata di luoghi comuni

Sono davvero stanco di sentire:"... la famiglia x è meglio della famiglia y...","...i bambini devono avere un padre e una madre..." e cazzate varie. Perchè è di questo che si tratta, di semplici cazzate. Parlano di teoria gender come se esistesse o avesse chissà quale valore intrinseco. Si parla di famiglia "naturale", quando in natura le famiglie così dette sono la minoranza. In alcuni casi, addirittura, i genitori sono totalmente assenti, li mettono al mondo e poi li abbandonano a loro stessi. Per di più non esiste solo la famiglia naturale composta da madre, padre e figli, nemmeno nella specie umana(forse è la maggioranza, ma solo per consuetudine)è la sola ed unica. Esistono culture dove esiste un solo padre e tante madri(cultura poligama patriarcale)e alcune in cui esiste una sola madre e tanti padri(poligamia matriarcale) e famiglie dove i figli hanno come punto di riferimento l'intera tribù a prescindere di chi siano i genitori naturali. Famiglia naturale non ha nulla di naturale perchè è una forzatura tutta umana. Senza contare tutte quelle specie in cui il maschio ha il solo ruolo di inseminatore e di arrivista. Dove le femmine(perchè in questo caso il maschio e uno e le femmine tante) del branco caccia per nutrire i propri figli e dove il maschio si prende la sua parte senza aver fatto nulla per meritarsela. 
Quindi, se vogliamo parlare di natura, non parliamo di famiglia, perchè, in natura, esistono decine di tipi di famiglie, non esiste solo quella eterosessuale. 
Vedo famiglie perfettamente etero che si scannano, che si odiano, che si distruggono per i più futili motivi. Vedo famiglie etero che non sanno nemmeno cosa sia la solidarietà. Quindi non mi si venga a dire che la famiglia formata da madre, padre e figli è l'unica ed assoluta. Perchè non lo è. Ci sono tante famiglie "normali" che crescono figli disadattati e tante altre che crescono persone degne di nota. Questo dimostra ciò che conta è come cresci un figlio, non la sessualità dei genitori. Ci sono tante  madri single che hanno cresciuto figli eccezionali e tanti padri single che hanno rinunciato alla propria felicità per crescere i propri figli in modo ineccepibile. Esistono famiglie formate da sole donne che, per un motivo o per un altro, si sono messe insieme e hanno cresciuto i propri figli in modo sano e senza creare loro traumi. 
La famiglia è un qualcosa che va oltre al sesso dei genitori. La famiglia è quella che ti da amore incondizionato, che ti sostiene nei momenti bui e che gioisce delle tue vittorie, la famiglia è quella che accetta le tue scelte anche se non le condivide, la famiglia è altro, la famiglia è molto di più di un uomo e una donna che procreano. 
Esistono famiglie"naturali" in cui il padre non sa nemmeno cosa significa esserlo e famiglie "fittizie" in cui il padre si ucciderebbe per la felicità del proprio figlio. 
Una consuetudine(perchè è di questo che si parla)non può essere imposta per legge o considerata migliore solo perchè tale. 
Un bambino ha bisogno di una famiglia che lo ami, che lo accetti per come è fatto, che, anche creandosele, non imponga le proprie aspettative, che lo educhi a rispettare il prossimo senza riserve, che crei un clima di serenità e amore incondizionato. 
Dare la possibilità a due gay di sposarsi ed ad adottare un figlio, non significa solo assecondare "il capriccio una minoranza, ma significa aiutare una maggioranza ad avere un'infanzia il meno traumatica possibile. Più persone possono adottare bambini e più bambini potranno assaporare il piacere che da essere scelti ed amati. 
Chi parla di famiglia naturale formata solo da uomo, donna e figli è palesemente in malafede, perchè non è scritto da nessuna parte che questa sia l'unica ad avere i requisiti per crescere nuove generazioni.
Lo dimostrano i fatti. Che generazione hanno cresciuto questo tipo di famiglie?
Non voglio generalizzare, per carità, ma sono gli stessi che fomentano l'odio contro le famiglie arcobaleno a dimostrare questo. 
Non esistono genitori migliori o peggiori in base all'orientamento sessuale, esistono genitori migliori e peggiori, punto. 
Onestamente sono stanco di vedere gente che non ha mai avuto figli(preti, vescovi e cardinali vari)pontificare sull'educazione dei bambini. Sentire gente divorziata più volte elogiare la famiglia naturale cattolica(la quale dottrina considera il divorzio un abominio). 
Non giudicare se non vuoi essere giudicato. Se non vuoi che si mettano in mezzo i tuoi trascorsi familiari, ergendoti a paladino di quell'istituto religioso che è la famiglia cattolica, ti esorto o a non giudicare le famiglie diverse dalla tua o a seguire i dettami cattolici fino in fondo anche a costo di passare una vita infelice. 
Facile dire che la famiglia x è l'unica e che tutte le altre sono solo scimmiottamenti di quest'ultima, quando tu stesso non la rispetti. Perchè, di questo si tratta. Non rispettare i precetti cattolici equivale a non rispettare ciò che Dio ha unito e ciò che nessun uomo può dividere. 
Facile essere difensore di un'ideologia e poi seguire solo ciò che più fa comodo.
La religione è importante? D'accordo. Ma allora seguila fino in fondo. Quindi non divorziare, non cornificare il tuo partner, non peccare, non discriminare(perchè anche questo è uno dei capi saldi della tua religione), prega Dio solo per il bene del prossimo(pregare e chiedere a Dio di punire tizio o caio perchè non rispecchia in pieno il tuo modo di vivere, non è altruismo ma è egoismo bieco) e ama il prossimo tuo come te stesso(a meno che anche tu non ti privi di diritti, non puoi pretendere che tali diritti siano negati anche ad altri).
Ma già, la religione non è così importante quando si tratta di seguirla alla lettera, solo quando si tratta di denigrare il prossimo lo si deve fare. Come dire, prendo quello che fa più comodo a me e interpreto ciò che Dio ha detto, come meglio credo.
Va bene che tutto è relativo, ma questo modo di gestire la religione lo trovo al quanto incoerente.
Mi chiedo se Dio esiste, cosa starà pensando di questa gente? Davvero vorrebbe che i suoi figli venissero trattati in questo modo a altri suoi figli?
Ovviamente non sono tutti uguali, non tutti la pensano così, non tutti i cattolici sono così bigotti ed ipocriti, non tutti i prelati sono degli emeriti cretini, però ciò che emerge fa pensare al contrario.
L'amore finchè è sano, costruttivo e incondizionato va sempre tutelato a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori.

Nessun commento:

Posta un commento