sabato 10 ottobre 2015

2042:L'nizio della fine

Questa storia ha il suo epilogo nell'anno 2042.
Ogni forma di vita ha subito metamorfosi fisiche e psicologiche impressionanti. Cani, gatti, criceti, capre, pecore, scimmie, hanno subito una veloce evoluzione tanto da superare anche quella umana che, al contrario, ha subito una botta di arresto tra la fine del 2016 e gli inizi del 2017, a causa di un eccesso di dipendenza dalla tecnologia che ha portato gli esseri umani ad essere succubi di quest'ultima.
Ormai non esistono più governi statali ma un unico e gigantesco governo mondiale che sta cercando arginare l'egemonia delle specie più evolute con mezzi ormai obsoleti e privi di efficacia.
La razza dominante è quella dei Rettiliani, una specie evoluitasi grazie a degli errori di calcolo di alcuni scienziati umani che volevano trovare la cura all'involuzione umana, per impedirne la scomparsa. 
Questo errore costò la vita a circa 2/3 della popolazione mondiale, ridottasi drasticamente a circa cinquecento milioni di unità.
Non potendo usare cavie umane perché scarseggianti, si optò per la clonazione in vitro e l'impianto degli ovuli in rettili(quali draghi di Komodo e alligatori) modificando i loro sistemi riproduttivi, ciò per rendere possibile la gravidanza umana in specie a sangue freddo.
Purtroppo fu una scelta devastante, che inflisse alla razza umana una batosta memorabile.
Questi esperimenti occultati dai governi del tempo(2033) portarono, nel 2042, appunto ad una apocalisse in cui gli umani furono più che dimezzati e, in parte, ridotti in schiavitù.
Ormai il governo mondiale perse il potere e cadde per mano dei Rettiliani rivelatisi più forti, coordinati e intelligenti.
Anche tra le nuove specie ci furono dissidi interni. Molti rettiliani volevano l'addomesticazione e il dominio sugli ultimi umani rimasti, mentre altri, volevano la loro distruzione a causa della loro scelleratezza ed inutilità.
Ci furono molti governi che ne approfittarono per sfruttare la manipolazione genetica dei rettili per scopi bellici. Ma non tennero conto delle conseguenze e vennero distrutti dalle loro stesse creature.
Del mondo pre apocalisse, non rimase nulla. Le città vennero smantellate per dar posto a deserti e stagni infiniti dove i rettiliani stabilirono la propria dimora quando le giornate diventavano molto afose.
Tra le cause dell'abuso delle scie chimiche, ci fu quello di trasformare il clima terrestre, stravolgendolo e rendendolo unico dai poli all'equatore.
Gli animali che non riuscirono ad evolversi, furono usati come carne da macello per i nuovi tiranni, solo gli avanzi erano disponibili per gli uomini rimasti.
L'acqua potabile cominciò a scarseggiare intorno al 2028, ma, a causa dello stravolgimento del clima, queste scorte di oro blu, si quintuplicarono negli anni successivi, rendendo la vita sulla terra più facile per gli animali e meno per gli esseri umani. Questi cambiamenti, purtroppo, hanno portato all'aumento della popolazione delle specie erbivore e, di conseguenza, quelle carnivore quali erano i rettiliani.
Nella decima guerra mondiale(2035-2040) tra le due fazioni mutanti, l'equilibro terrestre ebbe un ulteriore stravolgimento. L'utilizzo massiccio di scie chimiche, ha portato il pianeta a un collasso devastante. Alcuni agenti presenti nelle scie chimiche, purtroppo, reagirono con il nucleo terrestre(penetrati prima nel suolo e poi nel nucleo) rendendo instabile la struttura geologica del pianeta. Questo portò alla formazione di un numero pari a 30 volte quello di vulcani esistenti all'epoca. Ovviamente tutti attivi e pericolosi.
A causa di questa attività vulcanica seguita da altrettanta attività sismica, la crosta terreste, cominciò a spaccarsi, producendo voragini che arrivavano fino al nucleo. Nell'arco di pochi anni(dal 2040 al 2042) la terra collassò su se stessa, le montagne vennero ingoiate nelle voragini, i mari evaporarono insieme agli laghi, stagni e fiumi.
Non esisteva più vita sulla terra e la razza dominante non ritenendo necessario cercare vita fuori dal proprio pianeta, scomparvero con essa.
Almeno così sembrava. Almeno così ci hanno fatto credere fino al 2142, quando si scoprì che alcuni rettiliani e alcuni umani, in segreto, misero in atto un piano per evadere dal pianeta Terra prima che questi si autodistruggesse.
Fu la decima guerra mondiale a dar loro i mezzi per portare avanti i loro progetto. In guerra si sa, è difficile rendicontare ogni cosa.
Questa squadra, apparentemente, priva di coesione, riuscì a partire per lo spazio e raggiungere il satellite di Giove, Europa, molto simile, per atmosfera, a quello della Terra.
E riuscirono finalmente a salvarsi.

________________________________________________________________________________










E questo è solo il prologo della storia.

Nessun commento:

Posta un commento